i migliori cuscini cervicale

▷ I migliori cuscini cervicale [2022]

Quando ti svegli, fa tutto male? Non è il modo migliore per iniziare la giornata. Ma non basta: se  non si trova un rimedio, questi disagi peggiorano nel tempo.

Per risolvere il problema, però, dobbiamo prima conoscerne l’origine. 

Nella stragrande maggioranza dei casi, mentre dormiamo, non manteniamo un  corretto allineamento tra testa, collo e colonna vertebrale.

Non è sempre necessario acquistare un materasso nuovo, ma un cuscino che si adatti alla posizione del sonno in modo da non trovarsi con una postura dannosa per la cervicale. 

Di seguito proporremo un confronto tra  i migliori cuscini cervicali e consigli per mitigare o prevenire questi disagi. 

Vuoi sapere qual è il miglior cuscino cervicale? Continuate a leggere per scoprirlo!

I migliori cuscini cervicali del 2022

Questi sono i migliori cuscini cervicali secondo i nostri criteri e il parere di persone che li hanno già provati.

1. Cuscino Emma in memory foam

  • Caratteristica principale:  il primo cuscino personalizzabile sul mercato, composto da tre strati indipendenti e rimovibili.
  • Materiale:  rivestimento esterno dal tocco molto gradevole; è composto da 3 strati: uno di airgocell, un altro viscoelastico e un altro di poliuretano espanso (che dà consistenza). La fodera esterna è 98% poliestere e 2% spandex.
  • Fermezza: personalizzabile.
  • Altezza: personalizzabile.
  • Lavaggio: rivestimento lavabile in lavatrice.

È il cuscino più venduto in Italia, oltre ad essere stato premiato in tutta Europa.

È l’unico cuscino completamente personalizzabile. Pertanto è adatto a qualsiasi tipo di persona o postura.

Portata alta, media, bassa? Altezza media, alta, viscoelastico o no, siete indecisi?

Con questo cuscino, tutto ciò non ha importanza, perché  puoi rimuovere strati o valutare come dormi su ciascuno di essi.

Ognuno di essi ha caratteristiche e, soprattutto, fermezze diverse. Puoi anche controllare l’altezza in base al numero di livelli che usi. TUTTI i suoi strati sono adatti per combattere o prevenire i dolori muscolari.

Un’altra cosa che spicca è la sua copertura esterna, che è molto morbida e offre una sensazione molto piacevole.

Il marchio Emma offre  100 notti di prova per tutti i suoi prodotti. Pertanto, se non sei convinto, puoi restituire il cuscino. Non preoccuparti dei cuscini restituiti, molti dei quali vanno in beneficenza.

VANTAGGI DEL CUSCINO EMMA

  • Personalizzabile, prova tutte le opzioni e mantieni l’ideale
  • Rivestimento esterno molto piacevole al tatto e lavabile
  • 100 notti di prova, se non sei convinto puoi restituirlo senza domande

CONTRO

  • Può fare caldo in estate
  • È più largo del normale, può occupare spazio ai piedi del materasso

La guida all’acquisto del miglior cuscino cervicale

Di seguito vogliamo offrirti gli spunti necessari per riuscire nell’acquisto del tuo cuscino cervicale.

Perché dovresti usare un cuscino cervicale?

  • I cuscini per la cervicale offrono un corretto allineamento tra la testa, il collo e la schiena e, in questo modo, il russamento viene solitamente eliminato.
  • Se soffri già di problemi cervicali, questo tipo di cuscino è uno dei pochi rimedi che non ha effetti collaterali, a differenza delle pillole e delle cure mediche.
  • Grazie all’adattabilità dei cuscini cervicali, i punti di pressione vengono eliminati andando così a migliorare la circolazione sanguigna.
  • Aiutano ad alzarsi senza dolore la mattina migliorando, così, anche la qualità della nostra vita in generale. Un buon riposo elimina lo stress e le tensioni accumulate durante la giornata.
  • Costituiscono prodotti medici, quindi sono progettati da esperti di salute e fisioterapia, a differenza dei cuscini tradizionali.

A chi sono rivolti i cuscini cervicali?

Questo tipo di cuscino è vantaggioso praticamente per chiunque .

Anche se non hai problemi cervicali, questi cuscini ne impediscono la comparsa oltre a fornire altri benefici (quali, solo per esempio, buona postura, prevenzione del russamento e dei disturbi del sonno ecc…). Logicamente non sono consigliati per i bambini.

Tipi di cuscini cervicali

Come abbiamo visto in questo articolo, esiste un’ampia varietà di cuscini che si differenziano tra loro per forma e composizione. Se parliamo di cuscini cervicali, ci sono diversi materiali che puoi trovare in commercio. Di seguito proverò ad evidenziare i tipi e le caratteristiche:

  • Cuscini in lattice: sia il supporto che la fermezza sono intermedi. Le sue eccezionali caratteristiche: antiallergico, traspirante e naturale. Si adatta molto bene al corpo. Devi prestare attenzione alla percentuale di lattice naturale
  • Cuscini viscoelastici: si dice che il miglior cuscino cervicale sia viscoelastico. Questo materiale è molto comune, si distingue per compattezza e grande adattabilità. Molto buono per la postura e si adatta perfettamente al corpo.
  • Cuscini in gel:  ideali se vivi in ​​un luogo caldo o soffri particolarmente le temperature alte. Le loro caratteristiche sono simili a quelle dei cuscini in memory foam, dai quali si distinguono soprattutto per la fermezza. Inoltre includono un sottile strato di gel per garantire la freschezza desiderata.
  • Cuscini in piuma / piumino:  sono morbidi ma, con la giusta manutenzione, offrono una grande durata. Sono cuscini consigliati per il dolore cervicale se si dorme a faccia in giù. Non è così se tendi ad avere allergie o pelle sensibile.
  • Cuscini in schiuma:  sono disponibili in una varietà di spessori, a seconda della densità.
  • Cuscini in fibra sintetica:  leggeri ed economici. Questo tipo si distingue per leggerezza e prezzo: di solito sono più economici degli altri già visti. Esiste una grande varietà di cuscini in fibra sintetica, che si distingue per fermezza e altezza (a seconda dell’uso cui essi sono destinati).
  • Altri materiali (acqua, lana, cotone…): anche se sono meno comuni e non consigliamo nessun modello alternativo, ci sono cuscini realizzati anche con altri materiali.

Le 6 chiavi per scegliere un buon cuscino cervicale

Di seguito spiego i fattori tecnici di cui tenere conto per l’acquisto di un cuscino cervicale.

1.Materiale

Normalmente il materiale dei cuscini cervicali è viscoelastico perché, fondamentalmente, è quello che si adatta meglio al corpo grazie al suo effetto memoria.

Infatti un cuscino in “memory foam”, tra i più venduti oggi, è sicuramente viscoelastico (termine usato spesso erroneamente come sinonimo).

Possiamo trovare anche cuscini in memory foam con uno strato di gel. Questo perché il memory stesso può surriscaldarsi in estate e lo strato di gel contrasta la temperatura.

Possiamo trovare anche cuscini cervicali in lattice, ma sono meno comuni. La verità è che, per rapporto qualità-prezzo, non li consiglio considerando che possiamo optare per un cuscino viscoelastico.

2. Fermezza

La fermezza dipende dal gusto e dalle esigenze del consumatore, come sempre. Tuttavia, va notato che il viscoelastico tende ad avere una compattezza media.

E, se non sei sicuro circa la fermezza da scegliere, ti ricordo che il cuscino di Emma è personalizzabile ed è perfetto per le persone indecise.

3. Postura del sonno

Certo, la posizione in cui si dorme è determinante per sapere quale cuscino scegliere.

  • Se dormi a faccia in giù (con un braccio su ogni lato del corpo) NON hai bisogno di un cuscino perchè il tuo corpo è già allineato. Ma, se ti rifiuti di dormire senza, è meglio acquistarne uno il più basso possibile così da non curvare la tua schiena.
  • Se dormi su un fianco (entrambe le braccia dallo stesso lato), hai bisogno di un cuscino abbastanza alto da riempire lo spazio tra il collo e il materasso.
  • Se dormi sulla schiena, un cuscino basso (ma rigido) sarà perfetto per te.

4. Traspirabilità

La traspirazione (o la ventilazione) rappresenta fattore importante da tenere in considerazione (soprattutto per le persone che soffrono il caldo). E di solito è anche il punto debole del memory foam, materiale che può portare calore.

Il memory foam può risultare traspirante in due modi diversi: incorporando uno strato di gel o utilizzando memory foam “a poro aperto”.

Esiste anche una terza soluzione, che consiste in un trattamento della fodera interna del cuscino che gli conferisce una certa traspirabilità.

Se avverti un calore eccessivo con una schiuma in memory foam, probabilmente si tratta di viscoelastico modellato.

5. Ergonomia

L’eccellente ergonomia consente di ottenere il corretto allineamento tra testa, collo e colonna vertebrale. Tutti i cuscini che troverai in questa lista soddisfano ampiamente questo obiettivo poiché ritengo che questo sia il fattore principale di un buon cuscino cervicale.

Ergonomia è sinonimo di adattabilità ed è strettamente correlata al materiale e alla forma/design del cuscino.

Come abbiamo già accennato in precedenza, il memory è il materiale che meglio si adatta per eccellenza.

Per quanto riguarda il design, i cuscini cervicali hanno solitamente una forma ondulata.

Questa ondulazione ci permette di utilizzare il lato per noi più comodo a seconda della posizione in cui dormiamo: in questo modo sono adatti sia per dormire sulla schiena che sul fianco.

Troviamo anche guanciali cervicali dal design tradizionale. Questi possono essere utili per le persone più conservatrici che sono a disagio con la forma ondulata.

6. Taglia e misure

In termini di dimensioni, i cuscini cervicali hanno solitamente a disposizione più misure rispetto a quelli convenzionali, il che non sorprende considerando che si tratta di un prodotto terapeutico che deve adattarsi bene ad ogni dormiente.

Non esistono cuscini cervicali doppi (per due persone), in quanto sarebbero molto inefficienti per il riposo, ma puoi acquistarli in una confezione da due unità.

Come utilizzare correttamente un cuscino cervicale?

L’ho detto più volte, ma lo ripeto. Affinché un cuscino funzioni correttamente, deve garantire un allineamento tra testa, collo e colonna vertebrale.

4 consigli per acquistare il tuo cuscino cervicale (extra)

Ecco alcuni suggerimenti extra.

1. Un cuscino per ogni persona

NON consigliamo di utilizzare un unico cuscino per due persone. Il tuo collo ti ringrazierà, mentre la qualità del sonno migliorerà.

2. Relazione inversa tra densità e adattabilità rispetto alla traspirabilità

Maggiore è la densità e migliore sarà l’adattabilità, ma risulterà peggiore la traspirabilità.

Quindi, se hai intenzione di acquistare un cuscino ad alta densità, ti consigliamo di scoprire se il cuscino ha un trattamento o una tecnologia che risolva il problema della mancanza di traspirabilità.

3. Misure del cuscino

Prima di acquistare il cuscino,  assicurati che abbia la misura che ti serve (soprattutto se lo farai online). Prima di completare l’acquisto, verifica che le misure siano appropriate.

Se non sai che taglia comprare, prendi un metro e misura le dimensioni del tuo letto.

4. Non conta solo il cuscino, ma tutta l’attrezzatura per la biancheria da letto

Avere un buon cuscino è una cosa meravigliosa, perché puoi godere di un comfort molto piacevole e di una buona qualità del sonno.

A poco serve però avere un buon cuscino se utilizziamo un materasso o una rete deteriorati o che NON raggiungono un minimo di qualità.  Assicurati che tutta la tua “attrezzatura per la biancheria da letto” abbia una qualità minima.

Raccomandazioni per curare e prevenire i problemi cervicali

Il fine ultimo non è comprare un buon cuscino, ma curare la tua salute.

Principali cause dei problemi cervicali

È molto importante conoscere l’origine dei problemi cervicali:

  • periodi di stress
  • traumi o lesioni
  • uso frequente del computer
  • anomalie spinali
  • Malattie infiammatorie o artrite
  • troppe ore alla guida

Suggerimenti per alleviare il dolore al collo e migliorare la mobilità

La miglior scelta gratuita per combattere i problemi cervicali è rappresentata dallo stretching dolce (mai forzato, soprattutto se hai dolore).

L’arma migliore per porre fine al dolore cervicale

In conclusione, la cosa migliore che puoi fare per risolvere alla radice le cause del problema è quella di cercare un buon fisioterapista. Non è la soluzione più economica, ma è la più efficace. In ogni caso evita esercizi estremi e muoviti gradualmente ascoltando il tuo corpo: non sempre i fisioterapisti individuano la soluzione ideale per te.

Inoltre, dovresti assicurarti che, quando dormi, tieni un corretto allineamento testa-collo-colonna vertebrale.

Altrimenti il ​​fisioterapista toglierà il dolore invano, perché le posture sbagliate lo faranno tornare e i soldi investiti in andranno sprecati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.